L' 11 Dicembre è un giorno importante per il MES!!! Quindi capiamo di cosa si tratta.

10.12.2019
Il nostro Sito Tumbler Ice è un canale dedicato alle persone che vogliono aggiornarsi su argomenti interessanti e fuori dalla massa, relativi al mondo del Food, dello Shopping, e che desiderano avere ogni giorno consigli utili. La politica finora è stato un argomento di cui non abbiamo trattato, che abbiamo cercato di mantenere fuori dalla nostra portata , ma, dato che la politica dovrebbe essere la nostra " Bibbia " quotidiana, che ci accompagna ogni giorno, oggi ci soffermiamo sulla spiegazione di alcune tematiche che riteniamo importanti, in modo da evitare la cattiva informazione. 


Vi parleremo, dunque, del MES e dell'importante decisione che avverrà domani 11 Dicembre a Palazzo Chigi.

Che cos'è il MES?

Il Meccanismo Europeo di Stabilità nasce dopo le crisi bancarie e dei debiti sovrani che hanno coinvolto i Paesi mediterranei - Italia, Grecia, Spagna, Portogallo, Cipro, più l'Irlanda - tra il 2008 e il 2012. In quei quattro anni l'Europa - il continente più ricco del mondo - ha capito di avere un sistema finanziario fragile, fatto di banche fragili e di Paesi super-indebitati, di non aver alcuno strumento per evitare il contagio, e soprattutto di avere un processo decisionale troppo lento e inefficace, come soprattutto la crisi greca aveva ampiamente dimostrato. Serviva, in altre parole, uno strumento in grado di dire agli speculatori che attaccare i Paesi europei scommettendo sul loro fallimento sarebbe stato inutile, perché comunque ci sarebbe stato un fondo dalla disponibilità illimitata - questo vogliono dire i 700 miliardi di capitalizzazione - in grado di fare da prestatore di ultima istanza per i Paesi alla canna del gas. Questo vuole dire ii MES al mondo: nessun Paese europeo fallirà, nessuna crisi sistemica europea è possibile. Il MES non è un ombrello. Il MES serve a evitare che piova. E infatti, da quando c'è il MES, non c'è più stato alcun attacco speculativo sul suolo europeo.

Perché è nata la Questione MES?

Perché Lega e Fratelli d'Italia, in prossimità della scadenza di dicembre, hanno accusato il presidente del Consiglio Giuseppe Conte di non avere rispettato le indicazioni dell'allora Maggioranza Lega-M5s che chiedeva al governo, prima dell'intesa di giugno, di non dare il via libera a una serie di modifiche al trattato e di aggiornare il Parlamento sull'esito della trattativa. Secondo la Lega, l'accordo raggiunto con gli altri Paesi avrebbe disatteso queste indicazioni e il Parlamento non sarebbe stato adeguatamente informato.


A chi serve il MES?

Il Meccanismo Europeo di Stabilità funziona così: gli Stati della Zona Euro versano una quota a questo maxi fondo - o meglio: sottoscrivono una quota, e si impegnano a versala, in caso di bisogno. Questo fa si che il MES sia iper-capitalizzato e possa prendere in prestito denaro sui mercati finanziari al miglior tasso possibile. Immaginiamo, per assurdo, che a un certo punto nessuno si fidi più a prestare denaro a un Paese super-indebitato come l'Italia. Se non ci fosse il MES, l'Italia non riuscirebbe a pagare gli stipendi dei dipendenti pubblici, le pensioni, gli interessi sul debito pregresso e sarebbe tecnicamente fallito. Il MES serve proprio a Paesi come il nostro per continuare a prendere soldi a basso costo: tutti si fidano dell'Italia, perché tutti sanno che, grazie al MES, l'Italia non può fallire, Anche se comunque l'Italia a prescindere non può fallire perchè  porterebbe con se anche  Francia , Germania e il resto dell'Europa.


Cosa ha scelto di Fare realmente il Governo Italiano?

Il governo Italiano sta cercando di rivedere il contratto del MES. Ma è possibile ciò? Tecnicamente sì, ma come ha spiegato il ministro Gualtieri in audizione in Parlamento "il testo del trattato è chiuso". Essendo già stato raggiunto un accordo politico a giugno è difficile che l'Italia possa rimettere mano al testo. Anche perché, come ha spiegato a più riprese il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, la riforma del Mes si inserisce in un più ampio "pacchetto" di interventi caldeggiati da tempo dal nostro Paese. Bocciare la riforma del Mes significa mettere in discussione anche gli altri provvedimenti che sicuramente avvantaggerebbero l'Italia. Tra questi c'è ad esempio l'introduzione di un'assicurazione europea sui depositi, da sempre osteggiata dalla Germania e su cui recentemente Berlino ha però cambiato rotta.

Cosa si deciderà l'11 Dicembre?

Per il momento si va avanti con due paletti fissati. Il primo: "Ogni decisione sul Mes - dicono alcune fonti di Palazzo Chigi - diventerà definitiva solo dopo che il Parlamento si sarà pronunciato a partire dalle risoluzioni che saranno approvate l'11 dicembre, in occasione delle comunicazioni che il Presidente del Consiglio renderà in vista del prossimo Consiglio Europeo. Tutto questo in linea con i punti 12 e 13 della risoluzione del Parlamento approvata il 12 giugno 2019". Nella risoluzione approvata, infatti al punto 13 è scritto chiaramente che il governo deve "sospendere la determinazione definitiva finché il Parlamento non si sia pronunciato". "Il Parlamento è sovrano - dicono fonti dei 5 Stelle - ed è un bene che si sia deciso di non dare nessuna luce verde fino a quando il Parlamento non ne discuterà. È il Parlamento che parla per primo. Per noi tante cose nell'Unione Economica e Monetaria vanno riviste". E Luigi Di Maio spiega: "Come abbiamo detto nulla si deciderà finché non si arriverà in Parlamento quando il presidente del Consiglio verrà a riferire e si dovrà approvare una risoluzione. Per noi non esiste solo il Mes, ma la riforma va valutata nell'ambito di un pacchetto di riforme nelle quali c'è tanto da cambiare"


Info e ricerche :

https://www.fanpage.it

https://www.meteoweek.com

https://www.repubblica.it